Legge Nuova Sabatini


Grazie alla legge “Nuova Sabatini” e alla provvista finanziaria resa disponibile nell'ambito del "Plafond Beni Strumentali" dalla Cassa Depositi e Prestiti (CDP), le PMI possono ottenere un finanziamento a tasso agevolato per l'acquisto o l'acquisizione in leasing di macchinari, impianti, beni strumentali d'impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché di hardware, software e tecnologie digitali.

Gli investimenti per essere agevolabili devono essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di accesso all'agevolazione.

Destinatari PMI operanti in tutti i settori produttivi – compresi i settori agricoltura e pesca - che, alla data di presentazione della domanda, siano regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese e in possesso della PEC e firma digitale.
Settori ammessi Sono ammessi tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, ad esclusione di quelli ordinariamente non finanziabili con operazioni garantite dal Fondo PMI.
Importo ammissibile L’importo dovrà essere superiore a € 20.000 e inferiore a € 4.000.000 e può coprire fino al 100% degli investimenti.
Spese ammissibili Macchinari, impianti, beni strumentali d'impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché di hardware, software e tecnologie digitali, che soddisfino tutti i requisiti di autonomia funzionale. Gli investimenti devono essere ad uso produttivo, correlati all'attività svolta dall'impresa ed essere ubicati presso l'unità locale dell'impresa in cui è realizzato l'investimento.
Durata e rimborso Durata minima 12 mesi, massima 60 mesi di cui al massimo 6 di preammortamento.
Agevolazione Il contributo del MiSE è un contributo il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:
 
  • 2,75% per gli investimenti ordinari;
  • 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in tecnologie cd. “industria 4.0”) di cui alla circolare 15 febbraio 2017 n.14036 e s.s.mm.ii. allegati 6/A e 6/B.